CREDERE IN TUTTI I SENSI(2-2021)

Numero 2 – 2021

Tema: CREDERE IN TUTTI I SENSI

Scarica PDF

Se non lo provi non ci credi

«Non abbiamo che cinque pani e due pesci!». Sbigottiti, forse spaventati, così si saranno sentiti i discepoli. Come si fa a sfamare una moltitudine quando non si ha nulla? «Tutti mangiarono a sazietà» e avanzò perfino del cibo… spiazzante, il Vangelo! Una volta che i discepoli superano l’idea di dover risolvere l’irrisolvibile con i propri mezzi, tutto si compie in semplicità.

Quante volte, anche noi, non ci siamo sentiti all’altezza della chiamata? Quante volte abbiamo pensato che per parlare di Dio ai ragazzi l’unico modo fosse preparare un libretto per la catechesi corposo quanto la Bibbia?

Eppure, Dio ci chiede solo di offrire quel che abbiamo e quel che siamo, con i nostri slanci e le nostre debolezze, senza farci prendere dall’ansia da prestazione. Certamente, in una dimensione di vissuto, sperimentato, goduto. Ma questo è facile da capire: per dire quanto è dissetante l’acqua in route, basta bere e l’espressione del volto cambia da sé.

Come si testimonia allora l’amore di Dio? Occorre averne fatto esperienza, con tutti i sensi e in tutti i sensi. È una grazia, è vero. Ma se almeno una volta nella vita Dio l’abbiamo sentito o intravisto da lontano, è lì che dobbiamo tornare. Per il resto, conoscere il Catechismo a memoria non è l’essenza del credere, idem ottemperare a prescrizioni e precetti solo per sentirsi “a posto”. Gesù per primo ha sovvertito l’ordinamento per dare spazio all’unica legge, quella dell’amore.

In queste pagine non abbiamo la pretesa di dire tutto. Solo, ci piacerebbe sparigliare un po’ le carte per richiamare tutti noi a ciò che conta. Svestiamo i panni del “catechista” che dà lezione, per indossare quelli dei discepoli e dei testimoni. CREDERE IN TUTTI I SENSI è un numero speciale (non si legge e basta, date un occhio a Istruzioni per l’uso, alla pagina successiva!), perché speciale è il dono di un Padre, che è anche Madre, che ci ama. Se lo scautismo AGESCI ha un’identità e uno slancio così forte, è perché ha Cristo come riferimento. Non dobbiamo fare tutto noi, è Dio che moltiplica! Come fratelli maggiori abbiamo poi sempre anche un’altra grande occasione. «Se non diventerete come i bambini»… Quanto possiamo imparare dai piccoli!

Buona Strada

Laura Bellomi @laurabellomi

 

«Prometto sul mio onore». Parole che uniscono ogni guida e scout del mondo. Se siamo fratelli e sorelle nello scautismo, è perché un giorno pieni di entusiasmo ed emozione le abbiamo pronunciate. Abbiamo dato la nostra parola a qualcuno che credeva nella nostra volontà di rispettarla. Credere in Dio per noi cristiani è la stessa cosa. Qui però è Dio che promette e siamo noi a fidarci che rispetterà la parola data: «Io sarò dalla vostra parte fino alla fine del mondo». Buona lettura.

Padre Roberto Del Riccio

Assistente ecclesiastico generale

Articoli per questo numeroTutti gli articoli »

Chi è davvero Gesù di Nazareth?   Noi, come uomini del nostro tempo, credenti e scout, guardiamo a Gesù con lo sguardo deformato dal kantismo e dal pragmatismo. Per Kant il cristianesimo è essenzialmente una dottrina morale e Gesù un esempio e un maestro di vita. Anche fra i cristiani ferventi si è diffusa l’idea che l’essenza del ...
Dio cambia la vita e le dà un sapore nuovo Mi serve o no? Spesso a guidarci è il criterio utilitaristico, anche nella fede. Se in altre epoche il nodo è stato il dimostrare l’esistenza di Dio, oggi quel che conta è capire se credere cambi la vita. Viceversa, non vale la pena.. «Appena scesi a terra, videro un fuoco di brace con del pesce sopra, e ...
Vedi tutti +
L’opera intitolata I primi passi si trova dal 1964 nel Metropolitan Museum of Art di New York. Vincent van Gogh la dipinse nel gennaio-febbraio del 1890, sei mesi prima di morire. La dipinse senza uscire di casa, “in confinamento”. Era ospite del fatiscente stabilimento di cure psichiatriche di Saint-Rémy, nel Sud della Francia. Aveva 37 anni. Nato ...
Alzi la mano chi non ha mai sentito dire: «Sì, credo, però…». La nostra fede è spesso fragile, piena di dubbi, di “battaglie intellettuali”, di distinguo; accade che, in assenza di “prove”, rallentiamo la nostra corsa, giustifichiamo la pigrizia, ci rifugiamo in una spiritualità astratta fatta di buoni principi, di precetti o di sana ...

Gli altri numeriTutti i numeri »

Numero 1 - 2021 Tema: SOGNIAMO ANCORA Scarica PDF   Senza sogno che vita sarebbe? Qual è il tuo Sogno? Scoprire nuovi pianeti, salvare i ...
Numero 4 - 2019/20 Tema: CREATIVI Scarica PDF   A ogni vigilia di route nel mio Gruppo c’era chi proponeva “il mulo di Clan”. Avete ...
Numero 3 - 2019/20 Tema: LAUDATO QUI Scarica PDF Non per paura ma per vocazione Siamo andati avanti a tutta velocità, sentendoci forti e capaci in ...
Vedi tutte +
Numero 2 - 2019/20 Tema: ACCOLTI Scarica PDF Chiusi in Casa col Cuore Aperto Una donna incinta, un bambino, un anziano, due guide e uno scout. Donne e ...
Numero 1 - 2019/20 Tema: FEDELTÀ Scarica PDF   ossequio formale o impegno quotidiano?  << Fedeltà non deve mai essere ossequio ...
Numero 4 - 2018/19 Tema: ImPatto - Humans Scarica PDF
Numero 3 - 2018/19 Tema: ImPatto - Con la propria testa Scarica PDF
Numero 2 - 2018/19 Tema: ImPatto - La vocazione Scarica PDF
Numero 1 - 2018/19 Tema: ImPatto - Persone significative e felici Scarica PDF
Numero 2-2018 Tema: Le regole Scarica PDF