ACCOLTI

Numero 2 – 2019/20

Tema: ACCOLTI

Scarica PDF

Chiusi in Casa col Cuore Aperto

Una donna incinta, un bambino, un anziano, due guide e uno scout. Donne e uomini, migranti di ogni tempo e Paese, tutti sulla stessa barca. Il nuovo numero di Pe (se non vi è ancora arrivato, lo trovate anche on line qui di fianco) s’intitola Accolti. Con un ribaltamento di prospettiva: in campo accoglienza, ma non solo, siamo abituati a pensarci dalla parte di “coloro che fanno”, sempre in prima linea. Meno facilmente, invece, riconosciamo la grazia di essere persone accolte, da cui arriva poi la spinta a essere noi stessi accoglienti. Sapersi rimboccare le maniche al volo non è per nulla un male, ma a volte il voler fare tutto, e per di più in fretta, può privarci della preziosa occasione di mettersi in ascolto.

Lo stiamo vedendo anche in questo tempo segnato dall’emergenza Coronavirus. Proviamo a pensare alle nostre giornate. Costretti in casa (chi ce l’ha e chi non sta lavorando per il bene di tutti) stiamo approfittando per “fermare” il flusso di iperattivismo in cui – chi più chi meno – siamo immersi? Mail, riunioni scout in streaming, attività whatsappate ai ragazzi… l’efficientismo ai tempi del Covid-19 si è trasferito on line.

Coinvolgere i ragazzi da lontano è sicuramente una splendida attenzione. Ma possiamo fare ancora meglio: chiusi in casa, cerchiamo di aprire il cuore. Forse anche per noi capi è arrivato il momento di sostare. Di stare in silenzio per poi scorrere la rubrica e chiamare proprio quel ragazzo a cui stavamo pensando. Per chiedergli come va. Il solito Ask the boy, insomma, prima che il tam tam delle proposte via web prenda il sopravvento.

Mi piace pensare che questo non sia un tempo da riempire, che il capo scout non sia chiamato a riprodurre in scala la propria vita. Mi piace pensare che si possa fare scouting anche in salotto. Osservazione, deduzione, azione: apriamo una nuova strada. E che ai ragazzi, prima che tante attività da fare, possa così giungere un invito a vivere al meglio queste giornate inedite, uno stile – amorevole, attento, generoso, capace di far “niente”, a volte – più che un programma di cose da fare.

Avete in mente quando durante la route ci si ferma, ci si aspetta, ci si guarda attorno per capire dove siamo e come prosegue il sentiero? Ecco, siamo lì. Speriamo che il nuovo numero di Pe possa aiutarvi in questa sosta. A riflettere sull’accoglienza ma non solo. A pensare e a guardare – ad esempio – al futuro, sentendoci parte anche della grande famiglia scout. Perché, diciamocelo, quando l’emergenza sanitaria sarà passata, non torneremo a replicare la stessa vita e le stesse attività di prima. Su questo – almeno noi scout – possiamo nutrire una speranza fondata.

Chiudo con un pensiero per chi in queste settimane sta affrontando le prove più grandi della malattia e della solitudine. Capi, assistenti ecclesiastici, famiglie dei nostri gruppi ma non solo: a loro la vicinanza fraterna e la preghiera di tutta la redazione.

Buona Strada!

Laura Bellomi @laurabellomi

Articoli per questo numeroTutti gli articoli »

Responsabile di Zona Trentino Alto Adige «La promessa ad Allah» era il titolo sfidante con cui già nel febbraio 2012 un giornale trentino presentava la nascente esperienza di forte collaborazione fra Agesci Trentino - Alto Adige e scout dell’Associazione Scout Musulmani (ASMI) di Trento, che si è poi consolidata nel corso di questi anni. È un ...
Incaricati nazionali branca R/S Sarebbe bello se ci fosse una definizione, un articolo del regolamento metodologico che spiegasse come educare all’accoglienza e come essere accoglienti. Ma non c’è nulla di esplicito a riguardo. Possiamo parlare di stile, di clima di accoglienza. Come a dire che l’accoglienza è un atteggiamento che si ripete, che ...
Vedi tutti +
Pattuglia nazionale E/G. «Anche se l’aspetto più spettacolare del nostro lavoro, i Jamboree e le crociate di pace di tempi più felici, rimane sospeso per la durata della guerra, vi è sempre l’altra più importante parte del nostro programma, che consiste nel dare ai nostri ragazzi senza clamore e metodicamente, con l’esempio e con la pratica, ...
Accogliere l’errore nella relazione educativa. Accogliere un cucciolo in branco. Accogliere il dolore personale di una scolta nella comunità di Clan. Sentirsi accolti come Gruppo in parrocchia. Accolti in baita, dal fuoco caldo e da un pezzo di formaggio dopo una giornata di cammino sotto l’acqua. Accolti dal Signore, nella propria finitezza mentre si ...
Pattuglia Nazionale LC Avete mai giocato con un librogame, uno di quei libri nei quali a un certo punto puoi decidere in quale direzione andare e, a seconda della tua scelta, la storia procede in maniera differente? Proviamo a immaginare come sarebbe andata se... Se Mi, il giorno in cui ha visto cadere un puntino tutto rosso nel buio del formicaio, avesse ...
Assistente Ecclesiastico Generale L’accoglienza di una o più persone è sempre un evento relazionale. Anche quando è rifiutata, la richiesta di essere accolti implica una relazione, che nel caso del rifiuto è negata. Ci chiediamo, come c’entra Dio in questo particolare tipo di evento? La domanda, si badi bene, non è “cosa” c’entra Dio, ...
Pianificatori seriali di attività o educatori attenti alle vite dei ragazzi? Il campo “perfetto” – se esiste – è quello che sa accogliere, affrontare gli imprevisti e incoraggiare le scelte. Anche dei più piccoli   «Bagheera!», esplode piagnucolante la voce di una sorellina nella cornetta del telefono. «È successa una cosa bruttis...
Il tirocinante, il capo Unità e persino i Presidenti, Capo Guida e Capo Scout. Tutti, un giorno più o meno lontano, siamo stati accolti in Comunità capi, con toni, modalità e stili differenti ma con uno stesso intento: entrare a far parte del cuore del pensiero educativo del nostro gruppo e dare il nostro contributo in virtù della nostra scelta di ...
Chi siamo sposati giovanissimi. Erano altri tempi e un po’ di incoscienza faceva parte del gioco. Non che avessimo fatto tante considerazioni, ma in quell’appartamento in affitto di 40 metri quadri o poco più, abbiamo subito deciso che l’unica stanza grande sarebbe diventata soggiorno, con un tavolo allungabile e qualche poltrona, perché la cosa ...
Generati da una volontà di accoglienza, chiamati all’amore. Le domande esistenziali spiegate da una monaca di Bose. Ci sono domande essenziali che abitano il cuore di ogni uomo e donna. «Da dove veniamo?». Viviamo una sorta di contraddizione dentro di noi: da un lato siamo colti da un grande sgomento di fronte a questa domanda, dall’altro ...

Gli altri numeriTutti i numeri »

Numero 4 - 2019/20 Tema: CREATIVI Scarica PDF   A ogni vigilia di route nel mio Gruppo c’era chi proponeva “il mulo di Clan”. Avete ...
Numero 3 - 2019/20 Tema: LAUDATO QUI Scarica PDF Non per paura ma per vocazione Siamo andati avanti a tutta velocità, sentendoci forti e capaci in ...
Numero 1 - 2019/20 Tema: FEDELTÀ Scarica PDF   ossequio formale o impegno quotidiano?  << Fedeltà non deve mai essere ossequio ...
Vedi tutte +
Numero 4 - 2018/19 Tema: ImPatto - Humans Scarica PDF
Numero 3 - 2018/19 Tema: ImPatto - Con la propria testa Scarica PDF
Numero 2 - 2018/19 Tema: ImPatto - La vocazione Scarica PDF
Numero 1 - 2018/19 Tema: ImPatto - Persone significative e felici Scarica PDF
Numero 2-2018 Tema: Le regole Scarica PDF
Numero 1-2018 Tema: Il limite e la fragilità Scarica PDF
Numero 4-2017 Tema: L'educazione all'accoglienza Scarica pdf